shutterstock_115348981

CTS Energy sostiene l’economia dell’idrogeno. Un sistema basato sulla funzione dell’idrogeno come vettore e più precisamente sul fatto che questo elemento può trasportare, a grandi distanze e in grandi quantità, energia prodotta da diverse fonti – essenzialmente da energie rinnovabili – e tale energia, immagazzinata sotto forma di idrogeno, può essere impiegata per alimentare i bisogni di attività urbane e industriali con grande beneficio in termini di impatto ambientale ed economico.

Il futuro che CTS Energy vede davanti a se è uno scenario in cui l’idrogeno migliorerà la qualità della vita e renderà l’economia più libera dal giogo delle energie non rinnovabili e da tutte quelle risorse destinate a esaurirsi, troppo costose o troppo inquinanti per l’ambiente.
Gli obiettivi che si pone, infatti, sono una mobilità più sostenibile e una maggiore indipendenza energetica ottenibili solo lavorando sulle tecnologie, sul know-how e sulla sensibilità necessaria per fare delle nostre città luoghi più vivibili, funzionali, moderni ed eco-compatibili.

Nelle Smart Cities del futuro, è auspicabile che l’idrogeno potrà essere utilizzato come possibile fonte di energia per l’autotrazione. L’utilizzo del gas come combustibile nei mezzi di trasporto produrrebbe come unico prodotto di scarto l’acqua, eliminando completamente le emissioni di anidride carbonica e i problemi climatico-ambientali ad esse associate.

Grazie a una elettronica di controllo interfacciabile a qualsiasi dispositivo, la tecnologia CTS Energy copre anche la mobilità sostenibile. Infatti il funzionamento di una fuel cell, garantito dall’idrogeno contenuto in alta pressione in bombole ultraleggere, può essere utilizzato come range extender per mantenere costantemente in carica le batterie presenti su qualunque veicolo elettrico, aumentando la loro vita, l’autonomia in ore di percorrenza, riducendo drasticamente il tempo di ricarica delle batterie, la loro sostituzione e garantendo un maggior rispetto dell’ambiente.